Arie
Duety...
Opery
Kantaty
Kompozytorzy
Switch to English

Aria: Pareami che sorto da lanto convito

Kompozytor: Verdi Giuseppe

Opera: Zbójcy

Rola: Francesco (Baryton)

Ścignij darmowe partytury: "Pareami che sorto da lanto convito" PDF
Pareami che sorto da lauto convito
dormissi fra l'ombre di lieto giardino:
Quand'ecco, percosso da sordo muggito,
mi sveglio,
ed in fiamme la terra m'appar:
E dentro quel fuoco squagliati, consunti
gli umani abituri . . ., poi sorgere un grido:
"O terra, rigetta dal grembo i defunti!
rigetta i defunti dal bartro, o mar!"
Ed ossa infinite coprir le pianure . . .
Fui tratto a quel punto
sui gioghi del Sina;
e tre m'abbagliaro splendenti figure . . .

Armata la prima d'un codice arcano,
sclamava: "Infelice chi manca di fede!"
E l'altra, uno speglio recandosi in mano,
dicea: "La menzogna confondesi qui."
In alto una lance la terza librava,
gridando: "Venite, figliuoli d'Adamo."
E primo il mio nome
fra nembi tuonava,
che il Sina copriano d'un orrido vel.
Ogni ora, passando, d'un nuovo misfatto
gravava una coppa
che crebbe qual monte;
ma il sangue nell'altra del nostro riscatto
tenea la gran mole sospesa nel ciel.
Quand'ecco un vegliardo,
per fame distrutto.
Spiccosi una ciocca di bianchi capelli,
e dentro la tazza di colpe, di lutto
quel veglio a me noto la ciocca gittò.
Allor, cigolando, la coppa giù scese,
balzò l'avversaria sublime alle nubi,
e tosto una voce di tuono s'intese:
"Per te, maledetto, l'Uom Dío non penò."
L'Infant Carlos, notre espérance. Rodrigo. Don Carlos. VerdiMi si affaccia un pugnal?. Macbeth. Makbet. VerdiPietà, rispetto, amore. Macbeth. Makbet. VerdiO sommo Carlo. Don Carlo. Ernani. VerdiLo vedremo, veglio audace. Don Carlo. Ernani. VerdiCortigiani, vil razza dannata. Rigoletto. Rigoletto. VerdiMina, pensai che un angelo. Egberto. Aroldo. VerdiLina pensai che un angelo...O gioia inesprimibile. Stankar. Stiffelio. VerdiLa sua lampada vitale. Francesco. Zbójcy. VerdiEterna la memoria. Gusmano. Alzira. Verdi
Wikipedia
Zbójcy (wł. I masnadieri) – opera Giuseppe Verdiego w czterech aktach. Libretto napisał Andrea Maffei na podstawie dramatu Friedricha Schillera pod tym samym tytułem (niem. Die Räuber).
Czas: między 1755 a 1757
Miejsce: Niemcy